domenica 1 novembre 2009

 


"Non cercate di prendere i poeti perché vi scapperanno tra le dita".



Il suo sperma bevuto dalle mie labbra
era la comunione con la terra.
Bevevo con la mia magnifica esultanza
guardando i suoi occhi neri
che fuggivano come gazzelle.
E mai coltre fu più calda e lontana
e mai fu più feroce
il piacere dentro la carne.
Ci spezzavamo in due
come il timone di una nave
che si era aperta per un lungo viaggio.
Avevamo con noi i viveri
per molti anni ancora
i baci e le speranze
e non credevamo più in Dio
perché eravamo felici.



Ci fu spazio nella mia carne per te,
per te solamente
che volevi l'amplesso dei miei giorni;
un lungo peregrinare segreto
d'amore in amore
di tempio in tempio.
Una rosa mi tremava
sul ciglio delle dita
come se fosse carta di un veliero
e finalmente mi rompesti
le acque squisite della vita.



 


 




 


 




 


 


 


 






giovedì 29 ottobre 2009

 


MONTALTO (VITERBO): NEL 2007 UN'ADOLESCENTE (all'epoca 15 enne)  FU VIOLENTATA DA 8 COETANEI  (CHE SONO STATI APPENA LIBERATI)


Tutto il paese è con gli stupratori
«Sono bravi ragazzi, la colpa è di lei»


Un 70enne: “avessi avuto 13anni mi sarei messo in fila”
Un carabiniere: “perché ha parlato dopo un mese?”
Un ragazzo: “il pomeriggio era andata con un altro”
Una ragazza: “lei di certo non è una seria”


Genitori che in televisione accusano la ragazza e difendono i figli stupratori.


Televisioni che permettono a questa merda di parlare in diretta.


 


Critichiamo l'Afghanistan perchè le donne violentate sono quelle che vengono punite a frustate per avere avuto rapporti sessuali, quando qui in Italia, per molti paesi, la donna è questo:


 


…carne da macello.



Un abbraccio a quella ragazza.


 


 



sabato 17 ottobre 2009

 



Entrerò in te e lapiderò il tuo ventre e i tuoi pensieri
che umidi di desiderio mi cercano e mi scacciano,
come lussuria che fa male e santità che può guarire.
Piegata sotto la mia mano
ti sazierai ancora del mio desiderio
che caldo e generoso ti riempirà.
E mentre l’attesa,
logorante e bagnata,
ti uccide e ti anima,
aspetterai inquieta la mia bocca.
Stringimi nel tuo paradiso…
Succhierò il dolce rivolo
del tuo piacere perverso.




 


 



giovedì 15 ottobre 2009


Bhopal... per non dimenticare.













La notte fra il 2 e il 3 dicembre 1984, quaranta tonnellate di una miscela di gas letali fuoriescono dall'impianto di produzione di pesticidi della Union Carbide a Bhopal, in India.
25.000 morti: è il più grande disastro chimico della storia.

A distanza di quasi 25 anni, l'area di Bhopal non è ancora stata bonificata né sono state condotte inchieste adeguate sull'incidente e sulle sue conseguenze.

Obiettivo di Amnesty International: riportare sotto i riflettori dell'opinione pubblica quella tragedia.

Per saperne di più clicca qui: 
Amnesty per Bhopal


 


 


 


 


 

lunedì 12 ottobre 2009

mercoledì 7 ottobre 2009

 



Il tuo corpo di desiderio è il mio campo di delizie ed il mio giardino di estasi dove si amplifica il gusto del tuo piacere come un profumo raro in un vaso prezioso.


©



 

martedì 29 settembre 2009

 


No more war!  (By Muby)


Ovvero: "Il mondo in 2 minuti"


Clicca il titolo.


 


 


 

giovedì 10 settembre 2009

 


Ore 17, 37 : come da indicazione ho spento la mia ultima sigaretta.


...è fantastico... "Sono un non fumatore!!!"



 


 

mercoledì 9 settembre 2009

 



Fumo dalle 10 alle 20 sigarette al giorno… e mi piace fumare… e quest’anno sono 30 anni giusti che fumo.


Negli ultimi due mesi mi sono fatto prendere dalla mountain bike. Mi faccio chilometri e chilometri di sentieri, tra discese pericolosissime e salti da paura, e mi sono accorto di una cosa… cazzo, non ho più fiato!


Io che negli anni ’80 dopo cinque anni di nuoto mi vantavo delle trenta vasche che riuscivo a fare senza fermarmi…. io che sempre in quegli anni facevo marcia, corsa e salto in lungo nella squadra di atletica del mio paese ed ero anche tra i più forti e lo possono testimoniare le medaglie e i miei amici che entrano qui… io che negli anni ’90 riuscivo a fare dalla provincia di Como alla provincia di Milano (45 Km circa andata e ritorno) di jogging, e non per scappare dalla mia ex moglie ma per divertimento, mi rendo conto che adesso dopo 3 Km in bici sono morto.


Ho pensato che forse è ora di smettere di fumare. Ho provato molte volte a smettere, ma è davvero difficile.


Ho provato con le gomme alla nicotina e il risultato è stato che, oltre a sembrare una mucca che rumina continuamente, la voglia di fumare non se ne andava. Dopo qualche anno ho provato i cerotti alla nicotina e devo ammettere che per 8 mesi non ho fumato, ma stavo diventando dipendente dai cerotti. Quindi prima di cominciare a fumarmi i cerotti ho ricominciato con le sigarette.


Circa un mesetto fa mi hanno regalato questo libro. Chi me lo ha regalato ha smesso di fumare leggendolo. Ho cercato in internet e ho scoperto che milioni di persone hanno smesso di fumare leggendo questo libretto.
Che sia un libro magico? Avrà le pagine impregnate di nicotina e quando lecchi il dito per girare pagina assumi la tua dose quotidiana?
Mah… naturalmente sono molto scettico, ma siccome ce l’ho qui, lo leggerò. Chissà che sia la volta buona.


Adesso spengo la sigaretta e appena finisco il libro vi farò sapere.


 



domenica 30 agosto 2009

 



Né il suo pensiero sublime, né il raggio di luce nel suo sguardo.
Né la sua bellezza senza confini, né l’infinito nei suoi occhi.
Né il suo collo morbido, né le sue braccia forti,
né nulla di ciò che si tocca, né nulla di ciò che si vede di lei,
vale la sua bocca,
dove si muore di piacere e che istiga a mordere.
La sua bocca di freschezza, di delizie,
di fiamma, fiore di piacere, di lussuria e perversione,
che mi svuota il cuore bevendone tutto l’amore,
lasciandomi sempre soddisfatto ma mai sazio.


 



domenica 2 agosto 2009

 


Lampedusa, Yuppi du e i magici Nino e Maria (l'avevo promesso a Maria questo post).


La Croazia è bella…
La Puglia è splendida…
Ma Lampedusa è fantastica!







Credo che le foto non rendano l’idea di quanto sia bella quest’isola che dista dalla Sicilia 300 chilometri e dalla Tunisia 130. Un’isola popolata da conigli nani, che io, avendo preso in affitto un “Dammuso” (antica abitazione lampedusana) originale a un chilometro dall’Isola dei Conigli, mi trovavo la sera davanti alla porta a cercare da mangiare. Bellissimo!


…deserto e mare… sabbia e scogli… conigli e tartarughe… gechi e Yuppi du.


Nino Yuppidù e sua moglie Maria sono i proprietari della barca Yuppi du, appunto.
Nino è un fanatico di Celentano, praticamente lo adora. Maria è bellissima e non ha niente da invidiare a Claudia Mori.


Non si può andare a Lampedusa e non fare un giro turistico con la loro barca. I posti splendidi che ti portano ad ammirare, visti in loro compagnia sono ancora più belli. E tra un tuffo e l’altro dalla barca i due fuori di testa mettono in piedi uno spettacolino da morire dal ridere. A me sono piaciuti tantissimo e ho deciso di pubblicizzarli. Se volete vederli in azione basta scrivere Yuppi du su YouTube.


 






Nino, essendo un fanatico e amico di Celentano (e le foto sulla barca lo provano) ha messo il nome alla barca del film che gli è piaciuto di più, Yuppi du. Per chi non lo sapesse il film è ambientato a Venezia e quando ha saputo che io a Venezia ci vivo non mi mollava più. Anzi, così avrebbe dovuto essere…solo che ci ha messo tre ore a capire che stava parlando con la persona sbagliata.


Dopo aver raccontato la sua vita a un ragazzo, gli chiede: “Allora Giovanni, come si sta a Venezia?” e questo risponde: “E che ne so, io sto a Lecco!”.
Naturalmente io mi sono ribaltato dal ridere e quando ha capito di aver sbagliato persona è venuto da me. Altre tre ore a spiegargli che il mio nome è Marco e non Giovanni, ma per lui ormai ero Giovanni.


Insomma se andate a Lampedusa fatevi un giretto con la barca Yuppi du, ne vale davvero la pena.




GIRO DELL’ISOLA DI LAMPEDUSA


Partenza ore 10,30
Rientro ore 17,30
Pranzo a bordo con musica e spettacolo
(e Maria fa un caffè con la cannella che è fantastico!)
Per prenotazioni e informazioni: 330.303814 – 331.7090112


Ok, adesso finisco questo post, ma prima volevo salutare Marta e sua cugina. Manuela e Mary (Mary, molla l’Airone). E per ultimi (ma i migliori) Nuccio e Pina e le loro splendide figlie Veronica e Monica (Pina prepara la granita che prima o poi vengo a Catania a mangiarla).


Un bacio a tutti.


 


 


 


 


 


 


 

mercoledì 15 luglio 2009

 



Labbra morbide percorrono la tua pelle,
gocce di eccitazione cadono su di te.
Mani scivolose esplorano ogni centimetro del tuo corpo,
ti vogliono, ti cercano… ti trovano.
Dita esperte si insinuano nei sentieri del tuo desiderio,
ed aprono la soglia…
alla bocca golosa ed avida che ti abbraccia portandoti all’estasi.





 


domenica 12 luglio 2009

 


Una gita sul Po... po po po pooooo



A Pian del Re la tradizionale cerimonia del prelievo nell’acqua dalla sorgente del Po. Umberto Bossi solleva l’ampolla e distilla la metafora: “Qualche anno fa eravamo in pochi. Eravamo un rigagnolo come questo torrente di montagna che poi diventerà il grande fiume Po. Il fiume della libertà!”


…la libertà di scaricarci dentro qualsiasi cosa, anche i leghisti, sperando che prendano il colera.


E poi  a festeggiareeeeeeeee!


 





   


       


 


Lo dico o non lo dico? Sì sì, lo dico: “Ma andate a cagare va!!!” (nel Po).





 


...po po po pooooooooo




 



giovedì 11 giugno 2009


 


 


 


Se fossi un bambino non vorrei morire e non vorrei restare senza braccia e non vorrei restare senza madre, senza padre, senza fratelli, senza terra, senza giocattoli, senza cibo, senza medicine, senza sogni... Non lo vorrei, per nessun motivo al mondo, per nessuna causa giusta, per nessuna ragione di stato, per nessuna guerra santa e per nessuna missione di pace... E mi incazzerei se poi mi dicessero: "Lo facciamo per il tuo futuro". Ma quale futuro se non ho più un cazzo di niente!




 


 


 


 


 



lunedì 8 giugno 2009

 



…i piedi per terra, le fiamme si innalzano. Dita bagnate si aprono un varco. La guancia appoggiata su un mare dipinto, le mani che premono sulla parete, le unghie che graffiano, che scrostano i muri. Le urla impregnate, da troppo sognate. Gocce di fuoco, di voglia bruciante, il fuoco dei sensi, la pelle in calore. Da dietro l’incendio ti divampa nel ventre, la testa si gira, le lingue si trovano, io bevo sudore mischiato a piacere…



 

domenica 7 giugno 2009

 



Incontro la tua inebriante fonte d’amore,
specchio d’acqua increspato dai tremiti del tuo corpo,
che attende, avidamente, la sete della mia bocca.


 


 



giovedì 4 giugno 2009






 


Ed ecco a voi la mia piccola ispiratrice!


L’adoravo da piccolo e l’adoro ancora di più adesso. Mi piaceva così tanto che avevo dato il suo nome anche a una mia gatta.
Va bè, lo sapete tutti chi è: è Mafalda, la bimba con i capelli arruffati che grida contro tutti e contro il mondo.
La bimba che quando ero ragazzino mi faceva ridere perché era sempre incazzata. Quella che mi faceva pensare… quella che mi sembrava di imitare (sì, perché già rompevo le palle da ragazzino).


Poi passano gli anni e quello che si capisce è che questa bambina ha precorso tutti tempi e tutti gli ideali.
Più passa il tempo e meno le cose cambiano.


Mafalda al governo! ...subito!!!!!


(un governo dove non serve saper fare le pompe)